HOME > DOCUMENTI

SANTORO: Ripresa della piena navigabilità del canale di accesso a Porto Margreth

pubblicato il 10 marzo 2021

INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE
 
OGGETTO: Ripresa della piena navigabilità del canale di accesso a Porto Margreth
 
Il sottoscritto consigliere regionale,
Premesso che Porto Nogaro è un porto di interesse regionale ubicato nel comprensorio industriale dell’Aussa-Corno il cui accesso avviene tramite un canale fluviale;
Rilevato che in seguito all’incagliamento della nave Joi H sul fondale sabbioso del 24 febbraio 2019 la Capitaneria di Porto Nogaro ha emesso un’ordinanza (ORDINANZA N° 03/2019 del 26 febbraio 2019) che riduce i fondali da 6,20 metri a 5,50 metri, limitando l’ingresso al canale a navi che trasportano un carico inferiore a quanto precedentemente ammesso;
Rilevato altresì che l’intervento di dragaggio urgente e necessario, finalizzato alla rimozione del fondale sabbioso, è stato sospeso a causa di un’indagine della Nucleo Operativo Ecologico di Udine volta a verificare la presenza di sedimenti inquinati nel fondale;
Ricordato che Porto Nogaro è la più importante azienda della ZIAC che occupa circa 450 operatori diretti e circa 1000 persone nell’indotto;
Considerato che le navi che non possono accedere a Porto Nogaro sono costrette a scaricare presso il porto di Monfalcone con evidenti aumenti dei costi legati al trasporto su gomma che si rende necessario oltre che ad un aumento dei mezzi su gomma sulla viabilità regionale;
INTERROGA LA GIUNTA REGIONALE          
Per sapere se e come l’amministrazione regionale stia supportando l’autorità giudiziaria al fine di accelerare la chiusura delle indagini e agevolare una completa ripresa della fruizione del canale.
 
Mariagrazia Santoro

Trieste, 10 marzo 2021
 
Allegato: Interrogazione a risposta in Commissione ripresa navigabilità canale Porto Margreth