HOME > DOCUMENTI

GRUPPO PD: Proroga concessioni demaniali

pubblicato il 10 aprile 2020

Mozione
 
Oggetto: << Proroga concessioni demaniali >>
  
Proponenti: BOLZONELLO, SANTORO, MORETTI, DA GIAU, GABROVEC, IACOP, MARSILIO 
 
Il Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia,
PREMESSO che la legge regionale 21 aprile 2017, n. 10 (Disposizioni in materia di demanio marittimo regionale, demanio ferroviario e demanio stradale regionale, nonché modifiche alle leggi regionali 17/2009, 28/2002 e 22/2006) all’articolo 58, comma 9, in applicazione dell’allora vigente decreto legislativo 113/2016, stabilisce che le concessioni demaniali marittime in essere alla data del 30 dicembre 2009, nonché quelle in essere alla data del 31 dicembre 2016, conservano validità fino al 31 dicembre 2020;
TENUTO CONTO che la legge 30 dicembre 2018, n. 145, all’articolo 1, commi 682, 683, 684 prevede che “le concessioni disciplinate dal comma 1 dell’articolo 1 del decreto legge n. 400 del 1993…vigenti alla data di entrata in vigore della presente legge hanno una durata, con decorrenza dalla data di entrata in vigore della presente legge, di anni quindici…”;
CONSIDERATO che la suddetta norma non è stata interessata da alcuna procedura di infrazione da parte della Comunità Europea e che ha ricevuto pronuncia di legittimità da parte del Consiglio di Stato n. 07874/2019;
PRESO ATTO che diverse Regioni, in seguito all’entrata in vigore della suddetta norma, hanno già formulato specifici provvedimenti normativi o anche di mero indirizzo agli Enti locali al fine di garantire la concreta e univoca attuazione della previsione di legge;
RICORDATO che, come trascritto nella risposta all’IRO n. 175 presentata dal consigliere regionale Diego Moretti e all’IRI n. 290 del consigliere regionale Mauro Bordin, l’Amministrazione regionale ha previsto nel Documento di Economia e Finanza Regionale 2020 (DEFR) e nella relativa nota di aggiornamento l’orientamento della Regione FVG di uniformarsi a quanto previsto anche dalle altre Regioni, portando pertanto la scadenza delle concessioni al 31.12.2033;
RILEVATO che, a differenza delle altre proroghe ope legis intervenute negli ultimi anni, in questa occasione la Regione Autonomia Friuli Venezia Giulia non ha inteso recepire l’articolo 1 della legge 145/2018, né dare indicazione in merito alle modalità istruttorie per procedere alla variazione della scadenza delle suddette concessioni;
TENUTO CONTO che è prioritario garantire la tutela e la custodia delle coste affidate in concessione quali risorse turistiche della Regione, e, al contempo, assicurare le conseguenti implicazioni occupazionali ed economiche;
PRESO ATTO che le misure restrittive adottate per il contenimento dell’epidemia Covid-19 hanno completamente paralizzato il comparto turistico e fatto emergere la necessità di un intervento immediato a supporto dei concessionari, superando l’attesa di ulteriori linee guida ministeriali;
CONSIDERATO che proroghe brevi non risolverebbero il problema, ma aumenterebbero l’incertezza e l’impossibilità di investimenti da parte dei concessionari;
Tutto ciò premesso,
impegna il Presidente e la Giunta regionale
ad intervenire prontamente per garantire l’occupazione, il reddito e gli investimenti delle imprese del settore concessionarie sul bene demaniale, attraverso uno specifico provvedimento normativo regionale che recepisca quanto disposto dall’articolo 1, commi 682, 683 e 684 della legge 30 dicembre 2018, n. 145.
 

Trieste, 10 aprile 2020