HOME > DOCUMENTI

COSOLINI: Inopportuni ritardi nella ricostituzione del Comitato paritetico per la minoranza slovena

pubblicato il 24 ottobre 2019

INTERROGAZIONE
 
Oggetto: “inopportuni ritardi nella ricostituzione del Comitato paritetico per la minoranza slovena”.
 
Il sottoscritto Consigliere regionale, 
PREMESSO
  • che il Consiglio regionale ha già alcuni mesi fa provveduto a nominare i propri rappresentanti nel Comitato istituzionale paritetico per i problemi della minoranza slovena; 
  • che tale adempimento è stato perfezionato per le indicazioni di propria competenza anche dall’assemblea degli eletti sloveni; 
  • che si attendono invece ancora le sei nomine che competono alla Giunta regionale, affinché poi possa procedere anche il Governo nazionale e far sì che il Comitato possa insediarsi.
CONSIDERATO 
  • che il ritardo da parte della Giunta è tanto più incomprensibile in quanto quattro delle sei nomine di sua competenza sono già state indicate (come previsto) dalle due organizzazioni apicali (la SKGZ e la SSO); 
  • che tale situazione di stallo preclude il normale funzionamento del Comitato previsto dalla legge 38/2001 e che una delle prime, ma non uniche, conseguenze di tale situazione è la mancata deliberazione sui finanziamenti alle amministrazioni pubbliche per l’uso della lingua slovena il che certamente non agevola tali amministrazioni nella programmazione per l’erogazione di un fondamentale servizio ai cittadini del FVG di lingua slovena.
Tutto ciò premesso, il sottoscritto consigliere regionale
INTERROGA
La Giunta regionale per sapere quali possano essere le motivazioni per questo ritardo accumulato che ostacola il normale funzionamento di un organo istituzionale previsto dalla legge di tutela e se la Giunta intenda porvi tempestivamente rimedio.

Roberto Cosolini
 
Trieste, 24 ottobre 2019