HOME > NOVITA'

Enti locali: Moretti (PD), dal Cdx nessuna nuova idea, solo contrapposizione

pubblicato il 24 settembre 2017

TRIESTE (24.09.17). «Sull'abolizione delle Province e sulle Unioni Comunali, Forza Italia ha la memoria corta: sulla prima, dimentica di aver votato a favore della modifica statutaria che ne ha previsto il superamento, sulla seconda fa finta di non ricordare che ciò che oggi stiamo facendo con la legge 26/2014, il centrodestra l'ha fatto con l'abolizione delle Comunità Montane (la riforma Garlatti) nella precedente legislatura.
Dimentico di tutto questo, dopo aver detto e scritto nel 2013 che la riforma degli enti locali era fondamentale, ha fatto sì che si utilizzi tale questione in modo strumentale per farne una battaglia legale senza precedenti nella storia della Regione.
E staremo a vedere quanti di questi sindaci inadempienti si candideranno alle prossime elezioni regionali». A dirlo è il capogruppo del Pd, Diego Moretti replicando alle dichiarazioni del centrodestra sulla riforma degli Enti locali.
«Nessuno nega le difficoltà legate all'applicazione di una riforma così profonda, di fronte alle quali abbiamo sempre avuto un atteggiamento positivo e costruttivo, ascoltando le istanze di tutti e accogliendole quando possibile. Si facciano invece un'esame di coscienza coloro i quali, scegliendo di ricorrere ai tribunali e adbicando al dibattito politico, hanno tenuto fermo questo processo riformatore per oltre un anno». E ancora, continua Moretti «dare per fallita una riforma partita solo da pochi mesi dimostra l'unica idea che sul tema ha il centrodestra: affossare qualsiasi cosa fatta da questa amministrazione, senza minimamente preoccuparsi del merito, senza curarsi di dare un reale contributo utile davvero a migliorare le cose. Se questo è il preludio della campagna elettorale di Forza Italia, ossia parlare solo dei presunti fallimenti degli avversari politici, probabilmente non vedremo alcuna proposta o nuova idea per la nostra Regione».