HOME > NOVITA'

Immigrati: Moretti (Pd), importante l'iniziativa dalla societÓ civile su Galleria Bombi

pubblicato il 07 novembre 2017

GORIZIA (07.11.17). «Importante l’iniziativa del manifesto su Galleria Bombi che parte dalla società civile goriziana (e non solo), ma la politica e le istituzioni non restino a guardare». A dirlo è il capogruppo del Pd in Consiglio Regionale, Diego Moretti. «Il manifesto dimostra che l’umanità non finisce all’entrata di Galleria Bombi. Il compito delle istituzioni, Comune e Prefettura, è dare soluzioni. Ho l’impressione che il Comune di Gorizia, accettando supinamente una situazione che è diventata da tempo cronica, non fa che speculare sulle paure più recondite del cittadino con il rischio di alimentare quella che può diventare una situazione esplosiva, dall’altra la Prefettura fatica a dare risposte credibili».
E ancora, continua Moretti, «capisco la sacrosanta necessità presentata da alcuni consiglieri di minoranza di richiedere un’audizione con i vertici dell'Azienda Bassa Friulana-Isontina, ma la semplice richiesta di svuotamento dell’Hub di San Rocco non può essere la sola risposta a persone che da mesi dormono all’addiaccio. Il Comune di Gorizia agisca e non si nasconda dietro un dito, quelle in Galleria Bombi sono persone a cui è giusto dare una risposta. Ziberna prenda esempio da quanto è successo, nel recente passato, a sindaci come quello di Romans d’Isonzo, che in pochissimo tempo si è trovato una settantina di migranti all’interno del proprio Comune. Cosa avrebbe dovuto fare Davide Furlan in quel caso? Fare finta di nulla perché era compito della Prefettura oppure adoperarsi per risolvere, come effettivamente ha fatto, una situazione di vera emergenza?»
Chi ha la responsabilità di presiedere un’istituzione, conclude Moretti «non può voltarsi dall’altra parte, facendo finta che i problemi non siano i suoi ma neppure anteporre i problemi burocratici dell’applicazione del trattato di Dublino (che pure ci sono) a persone che nei prossimi mesi rischiano di morire letteralmente di freddo. A quel punto sarà troppo tardi piangere sul latte versato. Non vorrei che si continui a credere che la soluzione a tutto sia trasferire queste persone al Cara di Gradisca».