HOME > NOVITA'

Nido comunale: Bagatin (Pd), il sindaco studi, non ha idea di quello che dice

pubblicato il 20 febbraio 2018

PASIANO (20.02.18). «Cosa pensa il sindaco di Pasiano, che i soldi pubblici si diano a seconda delle simpatie e senza seguire alcuna regola? È evidente che non ha la più lontana idea di quali criteri vengano utilizzati per la concessione di contribuiti pubblici. Lo dimostra il goffo tentativo di buttarla in politica, quando esistono criteri oggettivi in cui la politica non mette becco». Replica così, la consigliera regionale del Pd, Renata Bagatin, al sindaco di Pasiano di Pordenone, Edi Piccinin che ha attaccato la Regione in merito al mancato finanziamento di un nido d'infanzia comunale.
«Questa amministrazione regionale – continua Bagatin – non ha mai utilizzato criteri di appartenenza politica, ma, sembra quasi banale dirlo ma evidentemente a qualcuno va spiegato, ha sempre seguito i criteri stabiliti dalla legge. A novembre 2017 si è svolta una riunione istruttoria per la selezione e la valutazione delle manifestazioni di interesse alla quale hanno partecipato il Servizio edilizia scolastica e universitaria, il Servizio istruzione e politiche giovanili e l’Anci con successivo parere reso dall’Ufficio scolastico regionale. Quindi, il sindaco, prima di inerpicarsi in sentieri che non è in grado di affrontare, si documenti, studi, si informi. Ma soprattutto svolga il ruolo per il quale è stato chiamato dai cittadini, il sindaco. Non si avventuri in ruoli di capo bastone o masaniello».
Inoltre, continua Bagatin, «il sindaco accusando la Regione fa l'elenco dei presunti Comuni amici, compie un errore grossolano. Non serve un esperto di geopolitica per sapere che il Comune di Trieste, citato dall'inconsapevole primo cittadino, è governato dal centrodestra. E guarda caso ha ricevuto i finanziamenti». Per Pasiano, dichiara Bagatin, «la domanda non è stata cassata, ma non finanziata per carenza di risorse come è scritto nel decreto della Direzione regionale infrastruttura datato gennaio 2018. Il punto è che il sindaco ha fatto una domanda carente, non c’era un riscontro di ciò che effettivamente il territorio chiede, infatti nella zona ci sono vari nidi (3 ad Azzano decimo e 3 a Prata di Pordenone)».
«Va infine ricordato che Pasiano ha ricevuto negli anni importanti contributi per l’edilizia scolastica. Ricordo 1milione 393mila euro per diversi interventi sulla scuola elementare Madre Teresa di Calcutta, 1 milione 176mila euro per l'adeguamento sismico per la primaria Alighieri, 1 milione 816mila euro per la scuola media Costantini e oltre 290mila euro per la palestra della media. Questo dimostra quanto sbaglia il sindaco di Pasiano».