HOME > NOVITA'

​Sanità Pn: Bolzonello (Pd), a Moras sfugge lo scippo in atto per togliere risorse al territorio

pubblicato il 04 luglio 2018

 «Moras non si è accorto che si è dovuto prevedere una specifica norma di legge nell’assestamento di bilancio che sarà in approvazione nelle prossime settimane, per consentire lo scippo delle risorse per la sanità pordenonese, per spostarle in altre zone, togliendoli dunque al territorio e ai pordenonesi».
A dirlo è il capogruppo del Pd, Sergio Bolzonello commentando le dichiarazioni del consigliere regionale leghista, Ivo Moras in merito alla situazione economica della sanità dell'area pordenonese e dell'Aas 5.
«Oltre a essere stonato e fuori da qualunque logica, non solo pordenonese, l’intervento odierno di Moras è completamente sbagliato. Ritenere i soldi della sanità pordenonese a disposizione di tutti non è un principio scritto da nessuna parte, tutte le aziende hanno a disposizione delle risorse calibrate sulle proprie esigenze e progettualità e non possono essere penalizzate proprio le gestioni virtuose». E ancora, continua Bolzonello, «Moras parla di sistema solo quando gli fa comodo, adesso che è seduto a Trieste ha già cambiato mentalità, ma dovrebbe studiare gli atti e le norme prima di parlare e dare giudizi affrettati. Se il “sistema sanitario” ha bisogno di risorse, si possono prendere anche rinunciando ad altre scelte, come premiare i sindaci fuori dalle Unioni. Perché deve pagare la sanità pordenonese il conto elettorale di Fedriga? Si tratta di una scelta politica, togliere ai pordenonesi per dare ad altri, pur avendo a disposizione altre possibilità e altre risorse o opzioni».

di seguito il riferimento di legge con il quale si autorizza l'utilizzo delle risorse

Articolo 9 Assestamento
ai commi da 1 a 8,l’autorizzazione all’utilizzo, per le esigenze del Servizio sanitario
regionale, ai sensi dell’articolo 30 del Decreto Legislativo 23 giugno 2011, n. 118 (Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42) e dell’articolo 39 della legge regionale 10 novembre 2015, n. 26 (Disposizioni in materia di programmazione e contabilità e altre
disposizioni finanziarie urgenti), delle somme iscritte come risultati di esercizio nei bilanci 2017 degli enti del Servizio sanitario regionale e delle economie di spesa relative alle attività finalizzate/delegate dalla Regione degli anni 2017 e precedenti;