HOME > NOVITA'

​Trasporti: Conficoni (Pd), disservizi sulla Sacile-Maniago, Fs spieghi cosa succede

pubblicato il 03 agosto 2018

«Malfunzionamenti ripetuti, un servizio a singhiozzo con convogli sostituiti dai bus e ritardi che si uniscono a soppressioni di corse dei treni. È la situazione inverosimile che i pendolari della tratta ferroviaria Sacile-Maniago stanno subendo negli ultimi giorni. È dunque necessario che Trenitalia e Rfi spieghino il perché di questi problemi per capire come intervenire e soprattutto evitare che si ripetano in vista della ripresa dell'attività scolastica». A denunciare la situazione di disservizio sulla linea ferroviaria Sacile-Maniago è il consigliere regionale del Pd, Nicola Conficoni, componente della IV commissione Trasporti, che ha presentato un'interrogazione alla Giunta regionale per conoscere i motivi di queste problematiche.
«Solo nella giornata di ieri – riferisce Conficoni – sono stati auto-sostituiti almeno quattro convogli e anche oggi la situazione non sembra essere migliore: ritardi tra i 20 e i 30 minuti si sommano ad altre soppressioni. È necessario che Trenitalia e Rfi diano delle spiegazioni».
Attraverso l’interrogazione Conficoni ha chiesto inoltre delucidazione su un possibile episodio di malfunzionamento di un passaggio a livello: «Ho chiesto all'assessore di sapere se risponde al vero che domenica scorsa, durante l’inaugurazione della ferrovia turistica Sacile-Gemona, un passaggio a livello situato a Montereale Valcellina non abbia funzionato e il treno storico sia passato nonostante una sbarra fosse alzata e non vi fosse alcun presidio delle forze dell’ordine o di tecnici. Tali situazioni mettono a rischio la pubblica sicurezza e non possiamo certo permetterci che accadano. Di qui l’opportunità di verificare una segnalazione che non può essere ignorata».
Secondo Conficoni, «il servizio reso a pendolari e turisti – conclude il consigliere dem – deve essere di qualità in modo tale da rendere sostenibile l'opportuna riapertura della linea ferroviaria ottenuta dalla precedente amministrazione».