HOME > NOVITA'

Europa: Iacop (Pd), nella Lega delle contraddizioni ora l'Ue va bene per il cash

pubblicato il 03 settembre 2018

TRIESTE. 03.09.18. «Tra le tante contraddizioni della Lega, che vuole da tempo demolire l'Europa, scopriamo che a seconda delle necessità sono anche europeisti a intermittenza. A favore quando l'Ue deve fare da banca, contrari quando il tema è quello della collaborazione tra Stati». Commenta così il consigliere regionale del Pd, Franco Iacop, le dichiarazioni dell'assessore Pierpaolo Roberti riguardo ai criteri di riparto dei fondi europei.
«Assistiamo ogni giorno alla demonizzazione dell'Europa da parte della Lega, iniziando da Salvini, per arrivare fino ai leghisti nostrani. Però i soldi dell'Europa vanno bene. Se l'assessore Roberti, che in Fvg incarna a pieno titolo la Lega, deve fare cinicamente l'europeista per il cash e nel caso specifico sui programmi di cooperazione territoriale, allora sappia almeno che seppur in una situazione di bilancio europeo ridotto, con l'uscita della Gran Bretagna dall'Ue, gli stanziamenti per la cooperazione territoriale rimangono inalterati. Se vuole utilizzare appieno le risorse che l'Ue mette a disposizione della dimensione regionale, sappia almeno che non esistono solo i progetti Interreg, ma anche altri e più cospicui programmi ai quali attingere come autorità e sistema regionale. Utilizzare a esempio il programma Ipa sull'Adriatico, o i programmi di ricerca quali Horizon, o ancora i programmi di cooperazione interistituzionali Twinning, oltre a offrire al sistema regione la possibilità di accedere a significative risorse, qualificherebbe in termini di relazione e di cooperazione europea la Regione Fvg. Ciò anche utilizzando in maniera appropriata le competenze dell'Agenzia Informest, delle università e degli enti di ricerca della nostra regione».