HOME > NOVITA'

​Assestamento: Bolzonello (Pd), con contributo Pd, diamo risposte a comunità Fvg

pubblicato il 30 ottobre 2018

30.10.18. «Il nostro impegno e senso di responsabilità ha consentito che tutta la comunità regionale potesse giovare di questa manovra di assestamento di bilancio. Noi abbiamo puntato su cinque macrotemi che da tempo avevamo sottoposto al centrodestra e che ora vediamo accolti, dalla sanità agli investimenti sulle periferie».
A dirlo è il capogruppo del Pd, Sergio Bolzonello commentando l'assestamento di bilancio, ddl 23 votato oggi dal Consiglio regionale.
«Una prima risposta è arrivata sulla sanità con lo sblocco dei 10 milioni che la giunta aveva congelato, ai quali si sommano 16 milioni, quindi un totale di 26 che garantiranno la copertura finanziaria dei bilanci delle aziende sanitarie. E ancora la questione del Piano periferie: per risolvere una situazione di stallo abbiamo proposto un fondo di rotazione per anticipare i soldi che dovrebbero arrivare da Roma. Oggi, finalmente, hanno battuto un colpo e si sono evidentemente accorti delle ripercussioni negative sui quattro Comuni capoluogo che con quei fondi darebbero risposte a situazioni di degrado delle loro periferie». Inoltre, «sulla questione maltempo abbiamo condiviso in maniera unitaria la necessità di fissare immediatamente risorse per rispondere all'emergenza. Condividiamo e apprezziamo il lavoro fatto da parte di tutti coloro che hanno affrontato l'allarme di questi giorni, dall'assessore Riccardi a tutti i volontari e alla struttura della Protezione civile». E ancora, continua Bolzonello, «un'altra questione che avevamo sottolineato nell'assestamento di luglio riguarda lo scorrimento delle graduatorie: ora abbiamo ricevuto finalmente delle risposte. Infine, accogliamo con favore il ritiro del norma sull'Ausir, l'autorità unica per i servizi idrici e i rifiuti, che prevedeva l'introduzione di un cda con maggiorazione di costi e appesantimento delle attività dell'organismo, senza aver approfondito una questione che coinvolge i Comuni e la Regione Veneto».