HOME > NOVITA'

Montagna: Marsilio (Pd), Stati generali non siano medaglia per la Giunta

pubblicato il 22 novembre 2018

 22.11.18. «Gli stati generali della montagna non siano una medaglia che la Giunta si appone al petto, ma un punto di inizio di condivisione anche con il Consiglio. Il problema della montagna non si risolve con un provvedimento ad hoc ma con un'azione coordinata e continua di iniziative e interventi all'interno di un progetto organico che preveda il coinvolgimento di tutti». A dirlo è il consigliere regionale del Pd, Enzo Marsilio commentando la convocazione degli stati generali della Montagna da parte del presidente della Regione, Massimiliano Fedriga.
«Avremmo preferito che un problema ormai storico per la montagna – prosegue Marsilio – venisse affrontato all'interno di un confronto diretto con il Consiglio regionale e non in maniera raffazzonata all'ultimo secondo».
«Quello di cui si discuterà domani a Tolmezzo è un tema che da anni tocca in maniera forte tutta la zona montana della nostra regione. Ben venga il confronto sul territorio che va sempre ascoltato. Resta l'auspicio sul fatto che Fedriga dia seguito a questo appuntamento, aprendo una discussione seria e strutturata sul manifesto che nascerà dalla sintesi dei tavoli tematici. Riteniamo fondamentale un coinvolgimento dell'intero Consiglio, con un necessario passaggio all'interno delle commissioni competenti».
Per questo, aggiunge infine Marsilio, «sorprende che il presidente del Consiglio Zanin non abbia chiesto un confronto nel momento in cui Fedriga ha annunciato gli stati generali. Sarebbe dovuto essere un passaggio naturale, visto lo spessore degli interventi di cui necessita il territorio. In questo modo sembra essere più un'iniziativa isolata della Giunta, dove il Consiglio ne esce delegittimato del suo ruolo di rappresentanza delle comunità».