HOME > NOVITA'

Ambiente: Conficoni (Pd), in arrivo studio epidemiologico pedemontana Pn

pubblicato il 27 giugno 2019

TRIESTE 27.06.19. «La situazione ambientale della pedemontana pordenonese da anni desta molte preoccupazioni tra i cittadini per la presenza di varie attività industriali insalubri. È pertanto positivo che la Giunta abbia dato un segnale di apertura verso la nostra richiesta di realizzare uno studio epidemiologico». A dirlo è il consigliere regionale del Pd, Nicola Conficoni commentando la risposta della Giunta regionale alla sua interrogazione, discussa in Consiglio regionale, con la quale si chiedeva alla Regione di adottare lo strumento dello studio epidemiologico nella zona territoriale ricompresa tra i comuni di Maniago, Fanna e Spilimbergo.
«Rispondendo all'interrogazione presentata per stimolarlo a raccogliere la proposta del direttore del dipartimento di prevenzione, Lucio Bomben, l'assessore Scoccimarro ha annunciato di avere chiesto all'Azienda sanitaria 5 l’elaborazione di un progetto, impegnandosi a favorirne l’attuazione. L’iniziativa è indubbiamente positiva perché, anche se le ultime analisi eseguite per valutare i livelli di contaminazione da diossine e Pcb in uova per autoconsumo e alimenti zootecnici prodotti nell'area compresa tra i Comuni di Maniago, Vajont, Fanna e Cavasso Nuovo hanno dato esito negativo, non bisogna abbassare la guardia».
Secondo Conficoni, «l’audizione dei comitati locali da parte delle competenti commissioni consiliari, calendarizzata il prossimo 4 luglio a Trieste, consentirà di fare il punto sul percorso avviato per monitorare gli impatti su salute e ambiente. Nell'occasione, oltre a chiedere lumi sui controlli in itinere e sui tempi di elaborazione dello studio epidemiologico, richiameremo l'attenzione sull'opportunità di promuovere uno sviluppo sostenibile della pedemontana pordenonese valorizzandone le peculiarità».