HOME > NOVITA'

Cultura: Iacop (Pd), soppressione Erpac è diktat Giunta Fedriga

pubblicato il 20 febbraio 2020

TRIESTE 20.02.20 «La chiusura dell'Erpac è un chiaro diktat della Giunta Fedriga. C'è voluto un confronto diretto in commissione con l'assessore alla Cultura, Gibelli che ha ammesso che l'ente funziona, ma gli ordini di scuderia dall’alto si devono rispettare. E così si elimina un ente che a detta di tutti sta ora funzionando dopo il necessario periodo di avviamento». A dirlo è il consigliere regionale del Pd, Franco Iacop a margine della seduta della V commissione durante la quale, su richiesta del consigliere dem, è stata audita l'assessore regionale alla Cultura, Tiziana Gibelli.
«Con la soppressione dell’Erpac perderemo una visione coordinata delle politiche culturali regionali e andremo a disperdere nuovamente risorse per portare contenuti alle nuove previsioni istituzionali, come gli Edr (Enti decentramento regionali) che a oggi sono ancora sulla carta e indefiniti e ipotizzare una nuova centralizzazione delle attività culturali, una per tutte Villa Manin, nella struttura burocratica della direzione regionale». Secondo Iacop, «lo sparpagliamento delle istituzioni e delle attività culturali presenti oggi in Erpac, non potrà che creare problematiche legate al mantenimento delle competenze». Infine, conclude Iacop, «è grave il fatto che in audizione, al di la di una serie di dichiarazioni di principio ancora da comprendere, l'assessore si sia rifiutata di presentare una programmazione certa riguardo al Museo etnografico di storia sociale del Fvg (Mess)».