HOME > NOVITA'

Coronavirus: Santoro (Pd), serve attenzione per case di riposo e disabilità

pubblicato il 30 marzo 2020

TRIESTE 30.03.20 «A fronte di proclami e aperture al dialogo e alla condivisione non ci saremmo aspettati una chiusura totale della Giunta su questioni che stanno segnando molte famiglie del Fvg, in particolare sulle difficoltà che stanno vivendo case di ripose e persone con disabilità». A dirlo è la consigliera regionale del Pd, Mariagrazia Santoro, a margine del respingimento degli ordini del giorno collegati al ddl 85 Emergenza Covid-19.
«In questa emergenza sanitaria è sotto gli occhi di tutti la difficoltà che stanno vivendo alcune fasce deboli della popolazione come anziani e persone con disabilità e accanto a loro le famiglie. Per questo avevamo posto l'attenzione su alcuni interventi che riteniamo necessari per migliorare la situazione. Non si tratta di voler criticare nessuno, ne di mettere bandierine, ma abbiamo cercato di mettere a disposizione una soluzione. Dopo tutti i proclami di buone intenzioni e collaborazione non ci aspettavamo certo un atteggiamento di chiusura». Tra gli ordini del giorno bocciati dalla Giunta, «sostenendo che “già stanno facendo”, chiedevamo di dare supporto alle persone disabili, garantendo loro e i propri accompagnatori l’uscita dal proprio domicilio. Parallelamente è necessario che venga attivato un coordinamento tra servizi sociali comunali, scuole e terzo settore per seguire i minori e loro famiglie che stanno vivendo momenti di grande tensione e difficoltà. Infine si rafforzi la domiciliarità come modalità di lavoro per gli operatori dei servizi sociali». Un secondo odg rivolgeva l'attenzione alla «protezione degli ospiti delle Case di riposo e delle strutture residenziali protette. Per queste realtà chiedevamo una task force in ogni azienda sanitaria, piani di evacuazione e trasferimento in altre strutture dedicate appositamente al contenimento. Infine, il nodo del personale: per sopperire alle diverse mancanze che si stanno registrando in diverse strutture della regione, chiedevamo di intervenire con delle deroghe per garantire il servizio agli ospiti e vengano infine garantiti i dispositivi di sicurezza individuale. Le difficoltà ci sono, ma per la giunta va bene così».