HOME > NOVITA'

Multiutility: Russo (Pd), Regione non sia silente e tuteli territorio da svuotamento governance locale

pubblicato il 24 giugno 2020

TRIESTE 24.06.20 «Anziché cercare colpevoli per scelte passate, gli esponenti della giunta regionale lavorino per tutelare il territorio regionale rispetto ai rischi di un possibile rimescolamento degli equilibri all’interno del gruppo Hera (controllante dell'AcegasApsAmga), che potrebbero portare allo svuotamento della governance locale sui servizi di approvvigionamento energetico, idrico e di smaltimento dei rifiuti. Se, come riferito dall’assessore Scoccimarro, l’amministrazione regionale è preoccupata dalla situazione che sta emergendo, si attivi per segnalare ai sindaci “amici” che sembrano invece inconsapevoli, il rischio che territorio non conti più nulla gestione di questi servizi e che a pagarne le conseguenze siano i cittadini di Trieste e del Fvg». A dirlo è il vicepresidente del Consiglio regionale, Francesco Russo (Pd) firmatario di un'interrogazione con la quale chiede alla Giunta regionale di attivarsi per “tutelare gli interessi dei cittadini del Friuli Venezia Giulia derivanti dal rischio che gli asset strategici dal punto di vista economico e della fornitura di servizi, sfuggano completamente al controllo delle istituzioni del nostro territorio” in seguito alle novità che stanno emergendo all’interno del Gruppo Hera.
Secondo Russo, «è preoccupante che la Giunta regionale ammetta di aver letto dai giornali quanto sta accadendo nel mondo delle multiutilty del Triveneto. Siamo disponibili a impegnarci tutti insieme per difendere gli interessi della regione ma è necessario che il centrodestra in Fvg batta un colpo. Se rimarrà silente, il rischio concreto è che le decisioni verranno prese altrove e scelte come la qualità dei servizi di pulizia delle nostre città o l’utilizzo dell’inceneritore vengano decise a Verona o Vicenza».