HOME > NOVITA'

Viabilità: Moretti-Marsilio (Pd), le rotatorie diventino il biglietto da visita dei territori

pubblicato il 10 settembre 2020

10.09.20 «La manutenzione delle rotatorie sulle strade ex provinciali ed ex statali necessitano di ulteriori forze per rispondere ai necessari e molteplici interventi di sistemazione e miglioramento in chiave di sicurezza e decoro stradale, ma anche come fattore di promozione dei territori. La Regione si faccia promotrice e attivi specifiche convenzioni, attraverso FvgStrade, con Comuni e privati per migliorare la gestione sull'intero territorio del Fvg». A chiederlo sono il vice capogruppo del Pd, Diego Moretti e il consigliere Enzo Marsilio che hanno depositato un'interrogazione alla Giunta regionale per stimolare l'attivazione, da parte della Regione, di convenzioni Comuni e privati per una puntuale e migliore gestione delle rotatorie presenti sulle strade ex provinciali.
«Attualmente – ricordano – FvgStrade provvede alla gestione di strade e rotatorie, sia con proprio personale, sia affidando all’esterno i lavori con apposite gare. Tuttavia, il considerevole patrimonio rende la gestione molto complessa, comportando di frequente ritardi negli sfalci e nelle manutenzioni di strade e rotatorie, causando disservizi che pesano sugli automobilisti. È dunque necessario che la Regione si faccia carico di questa problematica: per questo proponiamo precise convenzioni con i Comuni e soggetti privati non solo per affidare la gestione e la manutenzione delle rotatorie a soggetti “sponsor” che ne siano interessati, a beneficio della sicurezza stradale, ma anche come elemento di valorizzazione del territorio. Le rotatorie, inoltre, spesso rappresentano anche un elemento di qualificazione e “presentazione”, identitario e di accoglienza del territorio (esempi in Fvg come quelli di Buttrio e Monfalcone sono positivi) per cui la Regione, anche con PromoturismoFvg, promuova e finanzi quei territori che utilizzino le rotatorie di accesso quale biglietto da visita per il proprio territorio».