HOME > NOVITA'

Prima casa: Santoro (Pd), cittadini traditi e lasciati a secco su contributi

pubblicato il 24 settembre 2020

24.09.20 «Per i cittadini, che sulle promesse fatte da Fedriga e dalla sua Lega hanno scommesso il loro futuro, non c'è alcun rispetto. Le migliaia di famiglie che hanno chiesto e sperato di ricevere il contributo per la prima casa, sono state tradite: a fronte delle 5mila 300 domande, equivalenti a 75milioni di euro, la Giunta Fedriga ne ha stanziati solo 12 per il 2020, e anche sul triennio 2021-23 non si copre nemmeno la metà delle richieste, lasciando quindi a secco migliaia di cittadini».

A dirlo è la consigliera regionale del Pd, Mariagrazia Santoro, a margine della seduta della IV commissione riunita oggi per esprimere il parere sui programmi annuale e triennale delle politiche abitative.

«La Giunta si è ben ricordata di creare nuovi cda e di spartire le poltrone agli amici, poi si sono dimenticati dei cittadini e dei soldi necessari per realizzare e sistemare le abitazioni. I piani sulle politiche abitative avrebbero dovuto fare chiarezza e garantire un futuro, rispetto alla confusione fatta con le modifiche alla legge sulla casa (la legge 1 del 2016), ampliando in maniera improvvida la platea dei beneficiari. La Giunta Fedriga si è riempita la bocca di promesse salvo poi tradire le aspettative e gettare nell'incertezza le tante famiglie che, sulla base di quelle promesse, hanno fatto i conti per comprare una casa. Molti cittadini potrebbero aspettare per anni i soldi promessi, mentre altri non li vedranno mai arrivare».