HOME > NOVITA'

Turismo: Iacop-Marsilio (Pd), Regione non rinunci a investimenti per il futuro

pubblicato il 12 gennaio 2021

12.01.21 «Gli aiuti dati alle imprese tramite i ristori sono doverosi, ma non si possono azzerare le risorse per gli investimenti necessari a garantire un futuro al comparto turistico». Lo affermano i consiglieri regionali del Pd, Franco Iacop e Enzo Marsilio a margine dell'illustrazione, in 2ª commissione, del disegno di legge 121 “Ulteriori misure urgenti per il sostegno dei settori produttivi”.
«La giunta ha deciso di cancellare l'iniziale previsione di sostegno agli investimenti richiesti dalle imprese turistiche (presente nella prima bozza del ddl 121 “ristori”) e quindi spostare quegli otto milioni, che coprono domande già presentate e graduatorie già approvate, alla voce ristori, un'iniziativa senza dubbio utile al settore economico regionale. Ma soprattutto ora non si può perdere di vista la necessità di dare una risposta alle richieste di finanziamento per gli investimenti, nel campo strategico nel miglioramento qualitativo e competitivo, del sistema ricettivo turistico della nostra regione. È necessario preparare il nostro sistema all'auspicato ritorno alla normalità. La crisi covid la superiamo con ristori, vaccini, ma anche con la resilienza del sistema in grado di ripresentarsi, nel campo del turismo sicuramente adeguato e concorrenziale rispetto ai principali competitor extra-regionali e internazionali. Proprio per questo – concludono Iacop e Marsilio – è assolutamente strategico sostenere ora gli investimenti per il miglioramento degli standard qualitativi del sistema ricettivo e far scorrere queste graduatorie e al contempo, come più volte ribadito, stanziare adeguate risorse per una forte campagna di promozione extra regionale che sappia sostenere il nostro comparto turistico. Promuovere immagine e attrattività del territorio significa valorizzare la sicurezza che offre il Fvg e gli elementi di eccellenza, come stanno facendo Trentino e Alto Adige su canali di informazione e canali social».