HOME > NOVITA'

AGNOLA: con l'approvazione del DDL 220 soluzione a problemi del settore agricolo e venatorio

pubblicato il 30 giugno 2017

Con l'approvazione da parte del consiglio regionale del DDL 220 sono state introdotte una serie di norme che sono venute incontro ad una serie di istanze degli operatori economici del settore primario per quanto riguarda il settore dell'agricoltura e aggiornato la legislazione con alcune importanti novità per la parte dedicata al settore venatorio.
Per la parte dedicata all’agricoltura sono stati adeguati alle norme comunitarie i termini per i vincoli di destinazione per i beneficiari di contributi, definite le modalità per anticipi della regione per gli operatori che sono in attesa di contributi; per regolare le modalità per il sostegno alle scuole che somministrano alimenti biologici regionali nelle mense scolastiche.
Per la parte che riguarda l'attività venatoria e più in generale la funzione regionale di gestione della fauna selvatica, l'attenzione del legislatore regionale si è incentrata sul dare risposta all'emergenza legata ai danni provocata dalla fauna selvatica (soprattutto Cinghiali) all'agricoltura ed anche in tema di sicurezza sulle strade nelle zone con più alta intensità di ungulati.
Sono stati previsti adeguamenti di macelli pubblici e privati per la lavorazione e quindi la commercializzazione degli animali abbattuti o feriti in incidenti stradali dando quindi forti stimoli di perfezionamento dei piani di abbattimento delle riserve di caccia.
Sono stati quindi approvati provvedimenti atti a favorire l'abbattimento del maggior numero di cinghiali intervenendo sulle modalità di caccia e sulla gestione degli inviti nelle riserve.
Per evitare elementi di contenziose nel settore venatorio è stato disposto che la regione procederà a dettare i contenuti essenziali uniformi per la redazione dei regolamenti delle riserve di caccia e dei distretti venatori.