HOME > DOCUMENTI

BOEM: emendamento a mozione "Incentivare gli interventi di adozione di misure antisismiche"

pubblicato il 13 settembre 2016

Mozione n. 221-A “Incentivare gli interventi di adozione di misure antisismiche”

EMENDAMENTO MODIFICATIVO

Presentatori: Boem

1. Dopo l’ultimo capoverso delle premesse della Mozione n. 221, sono aggiunti i seguenti:

<<PREMESSO che come in passato, anche di recente, sulla base delle Ordinanze del Capo Dipartimento della Protezione Civile, attuative della legge 24 giugno 2009, n. 77, la Regione ha concesso contributi volti alla mitigazione del rischio sismico, in particolare riguardanti gli studi di micro-zonazione sismica del territorio e analisi della Condizione Limite dell’Emergenza, nonché per la realizzazione di interventi strutturali sugli edifici sia privati che pubblici strategici, aventi rilievo fondamentale per le finalità di protezione civile, e rilevanti in relazione alle conseguenze di un collasso, per un totale di 14.683.314 €;  che in base alla DGR 1595/2015 sono in corso di stesura le Linee guida tecniche interpretative inerenti lo svolgimento dell’attività istruttoria per l’erogazione di ulteriori contributi per la mitigazione del rischio sismico, funzionali all’attivazione dell’Ordinanza OPCDPC 171/2014 entro Ottobre 2016, per un totale di 5.979.031 €; che le succitate Ordinanze prevedono la riduzione del rischio sismico sugli edifici attraverso 3 livelli di intervento (rafforzamento locale, miglioramento sismico, demolizione e ricostruzione degli edifici), corrispondenti ad altrettanti livelli crescenti di contribuzione (rispettivamente, fino a 20.000€, fino a 30.000€ e fino a 40.000€); che, grazie al programma nazionale sull’Edilizia Scolastica, sono stati finanziati ed effettuati interventi di adeguamento antisismico di edifici scolastici sul territorio regionale per 6.928.764€; che con la Legge regionale 11 agosto 2016, n. 14 (Assestamento del bilancio 2016) sono stati stanziati 800.000€ per indagini sismiche degli enti locali, e 1.000.000€ per interventi urgenti di adeguamento antisismico;

RICORDATO che il Decreto del Presidente della Regione 27 luglio 2011, n. 0176/Pres. (Definizione delle tipologie di opere e di edifici di interesse strategico e di quelli che possono assumere rilevanza per le conseguenze di un eventuale collasso, nonché degli interventi di nuova costruzione, degli interventi su costruzioni esistenti e degli interventi di variante in corso d’opera che assolvono una funzione di limitata importanza statica ai sensi dell’articolo 3, comma 3, lettere a) e c) della LR 16/2009), prevede all’articolo 5 comma 2 che “Gli edifici e le opere di cui all’articolo 6, comma 2, lettera b della legge regionale 16/2009, con esclusione di quelli di cui al precedente articolo 4, sono assoggettati alla verifica del rispetto delle norme tecniche mediante accertamento della completezza della documentazione tecnica progettuale nonché, per un numero di progetti pari al 5%, scelto in base a criteri di casualità mediante verifica da parte degli organismi tecnici, di cui all’articolo 3, comma 4, della legge regionale 16/2009.”;

Nella premessa il decimo capoverso è soppresso;>>


2. Il punto 1) del dispositivo della mozione è sostituito dal seguente:

<<1) a censire l’adeguatezza sismica delle strutture strategiche presenti nel FVG, pubbliche o aperte al pubblico e favorire, anche attraverso l’impegno di risorse economiche, la verifica della loro adeguatezza alla normativa antisismica>>;

3. Dopo il punto 3) del dispositivo della mozione, sono aggiunti i seguenti punti:

<<3 bis) a valutare la possibilità, in funzione del fabbisogno emergente dal nuovo bando sull’adeguamento sismico degli edifici privati, che sarà emanato entro la fine del 2016, di implementare le risorse messe a disposizione dalla Protezione Civile Nazionale;

3 ter) di valutare la possibilità di aumentare, tramite deliberazione della Giunta regionale, la percentuale di verifiche dell’Organismo Tecnico Regionale previste dalla normativa vigente in materia di adeguatezza sismica degli edifici pubblici, di cui al comma 2, dell’articolo, del DPReg 176/2011;

3 quater) sostenere le iniziative nazionali a favore dell’introduzione della certificazione sismica dell’edificio.>>

3 quinquies) alla lettera b) del punto 2 del dispositivo, dopo le parole << all’adeguamento antisismico>>, sono aggiunte le parole <<valutando, al contempo, un aumento della spesa detraibile.

3 sexsies) la lettera f del punto 2) del dispositivo è soppressa.>>