HOME > NOVITA'

Covid: Moretti (Pd), accanto a vaccinazioni si garantiscano le Rsa

pubblicato il 09 febbraio 2021

 08.02.21 «I vaccini sono un punto fermo e imprescindibile per la lotta al Covid e le campagne avviate a tappeto sulle case di riposo sono una risposta necessaria a tutela delle fasce di popolazione più a rischio. Ma quello che è accaduto nel 2020 nelle residenze per anziani ha lasciato un segno profondo per i tanti decessi, e per le stesse case di riposo, che stanno vivendo nella loro gestione, dovuta in particolare alla impossibilità di accogliere nuovi ospiti, una forte sofferenza nei bilanci delle strutture stesse. Più volte abbiamo chiesto un intervento per evitare un aumento delle rette, affinché non si scarichi sulle famiglie il peso della crisi, e si continui a garantire un servizio in molti casi fondamentale».
A dirlo è il capogruppo del Pd, Diego Moretti commentando la situazione delle case di riposo del Fvg. Nei giorni scorsi il gruppo Pd aveva presentato un'interrogazione, a firma di Nicola Conficoni e Mariagrazia Santoro, proprio per chiedere alla giunta di valutare la possibilità di destinare le necessarie risorse alle case di riposo per far fronte a minori entrate e maggiori costi derivati dall'emergenza sanitaria.
«Questo – ricorda il capogruppo Moretti – è solo l'ultimo atto, in termini temporali, con il quale abbiamo sottoposto il problema sollevato già nelle scorse settimane da diversi sindaci, e che oggi viene ribadito da Federsanità, relativo all'instabilità dei bilanci delle strutture. Lo scorso anno, a seguito di una nostra precisa richiesta, sono state stanziate ingenti risorse a favore delle residenze per anziani, che coprono, però, solo le maggiori spese legate al Covid-19. L’emendamento presentato nella legge di Stabilità teso a concedere indennizzi e ristori nel 2021, però, è stato bocciato. Si trattava di un intervento pensato proprio per evitare aumenti delle rette a carico delle famiglie e riflessi negativi sui bilanci delle case di riposo».