HOME > NOVITA'

Covid: Conficoni (Pd), Pordenone penalizzata dalla Regione

pubblicato il 26 marzo 2021

26.03.21 «La sanità pordenonese continua a essere la cenerentola del Fvg, con il sindaco Ciriani incapace di farsi valere e ottenere una più equa ripartizione delle risorse». A dirlo è il consigliere regionale del Pd, Nicola Conficoni, componente della commissione Salute, commentando la concessione degli spazi della Fiera di Pordenone all'Azienda sanitario del Friuli Occidentale (Asfo) per effettuare l'inoculazione dei vaccini anti covid-19.
«Che Asufc paghi 230mila euro l'affitto della fiera di Udine per il centro vaccini mentre Asfo, dopo la ricerca di soluzioni a basso costo, venga ospitata gratis in un padiglione di viale Treviso è l'ennesima dimostrazione di come la sanità del Friuli Occidentale sia penalizzata nell’assegnazione delle risorse. Pordenone Fiere merita un elogio per essere venuta incontro alle esigenze dell'Azienda sanitaria ma non è giusto che i suoi soci si accollino costi che a Udine vengono sostenuti seppur indirettamente dalla Regione».
Pordenone Fiere spa, società partecipata dal Comune di Pordenone, continua Conficoni, «nonostante lo sforzo profuso per rilanciare la sua iniziativa, infatti, continua a chiudere i bilanci in rosso un anno sì e uno no e, come dimostrano i dipendenti in cassa integrazione, è duramente colpita dalla pandemia. I conti della fiera, dunque, destano preoccupazione come la situazione in cui versa l’Asfo, che sconta in negativo una grave carenza di personale e in questi giorni sta chiedendo ai Comuni gli arretrati per i defunti ospitati nel suo obitorio. Proprio per la situazione di emergenza sanitaria ed economica che stiamo vivendo, la Regione non dovrebbe fare figli e figliastri ma perequare le risorse assegnate al territorio, anziché essere la matrigna nei confronti di Pordenone».