HOME > NOVITA'

Lavoro: Moretti (Pd), altra norma ideologica impugnata faccia riflettere Fedriga

pubblicato il 22 luglio 2021

 21.07.21 «Anziché continuare a seguire una linea inutilmente ideologica, la giunta Fedriga e tutto il centrodestra dovrebbero riflettere sul fatto che la Costituzione italiana prevede l’eguaglianza tra i cittadini e vieta alla Regioni limitazioni alla libera circolazione delle persone tra i singoli territori. Non si rendono conto che la loro posizione ottusa, nel continuare a introdurre misure legate al tempo di residenza, danneggia sia lavoratori che le imprese». Lo afferma il capogruppo del Pd in Consiglio regionale Fvg, Diego Moretti commentando l'ulteriore impugnazione da parte del Governo dell'articolo 73 della legge regionale 6 del 2021 che, in materia di lavoro, introduceva la concessione di incentivi alle aziende condizionati all’assunzione di lavoratori che abbiano residenza continuativa in Fvg di almeno 5 anni e modificava una norma simile impugnata anch’essa ad aprile scorso.
«Come accaduto su altri provvedimenti dello stesso tenore (graduatorie Ater e sostegno agli affitti su tutti), avevamo messo in guardia la giunta sugli evidenti problemi di costituzionalità della norma, ma non hanno voluto ascoltare. Ora questa ennesima impugnazione, che segue alcuni pronunciamenti giurisdizionali, li faccia riflettere non solo sul rispetto dei valori fondanti della Costituzione, ma anche sul fatto che gli stessi tribunali dei territori cominciano a pronunciare sentenze che danno torto a questa impostazione puramente ideologica e per nulla razionale».